Apre Efiubò, lo sportello legale radiofonico per i migranti in Italia

12 marzo 2013
Scritto da Radio Kairos

A chi mi posso rivolgere se vengo aggredito? Posso viaggiare in altri Paesi europei? Dove posso chiedere la residenza? Se non ho il permesso di soggiorno posso iscrivere mio figlio a scuola? Ho diritto alla tessera sanitaria?

Dal 13 Marzo apre “Efiubò” anche sulle nostre frequenze, una rubrica radiofonica per provare a dare risposta alle difficoltà quotidiane dei migranti in Italia. Diritto di soggiorno, tutela contro le discriminazioni, diritto alla salute e al lavoro. La rubrica sarà trasmessa a cadenza quindicinale, il Mercoledì alle ore 12:00 all’interno de “Il cavò “; il Sabato alle 14:00 e il Lunedì alle 23:30 all’interno della trasmissione “Passpartù”

Ogni quindici giorni gli esperti dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI) si confronteranno con i dubbi e le domande raccolte da Amisnet insieme ai rifugiati e richiedenti asilo di Laboratorio 53.

Efiu gbò – che in Togo indica “la casa del re”, il luogo dove si risolvono i problemi di una comunità – è uno spazio radiofonico aperto agli ascoltatori e a chiunque voglia presentare domande o segnalare violazioni.

Ogni settimana le puntate di Efiubò sono disponibili, in formato podcast, sul sito di Amisnet e dell’Asgi, con sintesi in francese e inglese.

Se anche tu hai domande da fare scrivi a efiubo@gmail.com o lascia un commento sul sito www.amisnet.org

Vi ricordiamo che a Bologna, a fianco dei nostri studi, in via Casarini 17/5 al TPO è possibile accedere ai servizi dello sportello legale (mercoledì dalle 17 alle 19) e della scuola di Italiano “Kalima”

Efiubo_impronta

Tags: , , ,

Inserisci un commento

Blue Captcha Image

*

Sostieni la radio

Nella tua dichiarazione dei redditi puoi destinare il 5 per mille dell'IRPEF direttamente a Radio Kairos 105.85fm. Indica nel tuo modello Unico, 730 o CUD il codice fiscale 92 03 08 50 371

Campagne

YesWeCash

RSS Dicono di noi

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.