Da Lampedusa, la testimonianza dell’Associazione Askavusa ai microfoni di Radio Kairos

5 ottobre 2013
Scritto da Radio Kairos

Rifugiati-in-Italia_h_partb

In un’isola sgomenta e annichilita, continuano le operazioni di recupero dei dispersi. L’associazione Askavusa denuncia: non sono ne tragedie ne incidenti, ma massacri, con i numeri che stiamo collezionando possiamo definirli genocidi.

Non solo la Marineria di Lampedusa e la Guardia Costiera, ma molti lampedusani sono usciti con le proprie barche a cercare superstiti, come Giacomo e Paolo di Askawusa che invece hanno visto solo cadaveri.

Il corroidoio umanitario è una richiesta che da mesi l’associazione Askavusa rivendica, ma ora è quanto mai urgente, insieme ad un cambiamento delle normative sull’immigrazione. Occorre dismettere subito la parola “emergenza”, che copre solamente il business dell’accoglienza e la sparitizione dei soldi europei, bisogna parlare invece delle conseguenze delle guerra e della militarizzazione delle frontiere.

Ascolta la testimonianza di Annalisa, associazione Askavusa Lampedusa

Tags: , , , , , ,

Inserisci un commento

Blue Captcha Image

*

Sostieni la radio

Nella tua dichiarazione dei redditi puoi destinare il 5 per mille dell'IRPEF direttamente a Radio Kairos 105.85fm. Indica nel tuo modello Unico, 730 o CUD il codice fiscale 92 03 08 50 371

Campagne

YesWeCash

RSS Dicono di noi

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.